Home Artisti Tavole cronologiche Nudo nell'Arte Movimenti artistici Eventi English Storia dell'Arte Musei nel Mondo Ezio Civallero web site
 

 

Ezio Civallero

Borgo San Dalmazzo 1960

 



Architetto, vive e lavora a Borgo San Dalmazzo dov’è nato nel 1960. La curiosità nei confronti di qualsiasi forma d'arte si accresce nel tempo anche grazie a suo padre che dipinge tele con soggetti a tema naturalistico a diretto contatto con la natura, così come era d’uopo secondo la corrente dell'impressionismo a lui cara, dove la pittura 'en plein air” era considerata essenziale al fine del raggiungimento di un risultato soddisfacente.

Comincia, così nel tempo, ad approcciarsi anche lui alla pittura dopo essersi interessato dapprima e per anni, alla fotografia analogica con mostre personali e collettive, collaborazioni a riviste e pubblicazioni, e partecipazioni come membro di giuria in concorsi fotografici.

Utilizza inizialmente l’acquerello affiancandolo ultimamente all’olio e alla tempera, principalmente su carta o cartoncino...

Ci sono momenti, emozioni, sensazioni, profumi e suoni che non si cancelleranno mai, pur passando molto tempo, l’immagine di quell’insieme non svanirà, si trasformerà magari in un sogno ovattato, in un magico agglomerato che trasuda malinconia ed emotività, in un’immagine statica come una fotografia che diventerà col tempo meno vivida, ma non sparirà mai.

Quello dei ricordi è un momento che noi tutti viviamo in tante occasioni, principalmente con la mente, per cui resta molto personale e dentro di noi, ma c’è chi, grazie alla pittura, ha la fortuna di esternarli e renderli eterni. Arthur Schopenhauer ha detto: “La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.

 

 

Viaggio nei ricordi

Ci sono momenti, emozioni, sensazioni, profumi e suoni che non si cancelleranno mai, pur passando molto tempo, l’immagine di quell’insieme non svanirà, si trasformerà magari in un sogno ovattato, in un magico agglomerato che trasuda malinconia ed emotività, in un’immagine statica come una fotografia che diventerà col tempo meno vivida, ma non sparirà mai.

Quello dei ricordi è un momento che noi tutti viviamo in tante occasioni, principalmente con la mente, per cui resta molto personale e dentro di noi, ma c’è chi, grazie alla pittura, ha la fortuna di esternarli e renderli eterni.

Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare,” ecco allora che Ezio lavorando sui ricordi che affollano la sua mente in ordine sparso, ci racconta un percorso fatto di reminiscenze, ricordi che si affacciano a caso nella memoria e che gli danno lo spunto per materializzarle su un supporto allo scopo di mantenerle nitide, di conservarle affinché possano diventare anche ricordi ed emozioni per chi osserva i suoi lavori. Questo è quello che fa Ezio, è un dispensatore di sogni che ci apre la porta dei ricordi proiettandoci in una dimensione dove lo spazio e il tempo non hanno più alcun senso e dove possiamo immergerci senza timori, perché composta solo di luci, emozioni e colori.

Roberto Girardi

Giornalista e critico d'arte

 

 Home  |  Introduzione  |  Storia dell'Arte  |  Tavole cronologiche  |  Artisti  |  Eventi  |  Nudo nell'Arte   |  Impressionismo  |   Immagini per Desktop  |  Movimenti artistici

 Home  |  Introduction  |  Art's history  |  Chronological tables  |  Present day Artist's  |  Artists of the past  |  Astrology in the Art   Naked in the Art's   |   Impressionism  |  Desktop