Google
 
 

 

 

Skype test per contattare Artinvest2000 senza costi.

Non hai Skype: scaricalo qui: download

Home Artisti Tavole cronologiche Nudo nell'Arte Movimenti artistici Eventi English Storia dell'Arte Musei nel Mondo Pubblica annunci qui

Mimmo Rotella (1918-2006)


Mimmo RotellaMimmo Rotella: Catanzaro 7 ottobre 1918, Milano 8 Gennaio 2006 - Iscrittosi all'Accademia di Belle Arti di Napoli, la abbandonò nel 1941, allorché un impiego al ministero delle Poste e Telecomunicazioni gli offrì la possibilità di trasferirsi a Roma. Dopo il servizio militare ritornò a Napoli nel 1944 per completare i suoi studi all'Accademia, prima di trasferirsi di nuovo a Roma l'anno seguente. Dal 1945 al 1951 esplorò una grande varietà di stili; verso la fine di questo periodo tenne la sua prima personale alla Galleria Chiurazzi di Roma. Nel 1951 una borsa di studio Fulbright gli diede l'opportunità di visitare gli Stati Uniti e di studiare all'Università di Kansas City, nel Missouri. Nel 1952 espose alla Rockhill Nelson Gallery di Kansas City e tenne dei recital di poesia fonetica nella stessa città e alla Harvard University di Boston. Al suo rientro in Italia Rotella attraversò una crisi che durò un intero anno, nel corso del quale smise di dipingere. A quell'epoca cominciò a subire il fascino dei manifesti pubblicitari lacerati sui muri di piazza del Popolo a Roma, dove si trovava il suo studio. Ricorda l'artista: "Ne ero veramente impressionato, specialmente quando pensavo che la pittura in quanto tale era finita e che bisognava scoprire qualcosa di nuovo, di vivo, di attuale. E così, di sera, cominciai a fare a pezzi i manifesti. In questo modo Rotella inventò il "décollage", così chiamato perché egli strappava strisce di carta dagli strati delle affissioni (che poi incollava su supporti di tela) invece di incollare pezzi di carta come in un collage tradizionale. Rotella lavorava sia con il recto che con il verso dei manifesti; nel secondo caso venivano a mancare lettere e immagini, restando solo il colore della carta e il rosso intonaco delle pareti da cui i posters erano stati rimossi. E difficile stabilire il peso avuto dal soggiorno americano di Rotella nella sua invenzione del décollage; in particolare, non si sa se egli avesse visto le fotografie di segnali stradali di Walker Evan e il suo Toni Movie Poster (1930). Nel 1951-52 anche Aaron Siskind eseguiva fotografie "astratte" di manifesti strappati e di pittura scrostata. Le composizioni dei décollages di Rotella sono molto vicine anche ai dipinti di Willem de Kooning degli anni Quaranta, la cui pennellata gestuale trova un equivalente nella violenta lacerazione delle strisce di carta, sebbene i critici abbiano interpretato l'opera di Rotella come un ironico rifiuto dell'espressionismo astratto, con la sua presunta enfasi posta sull'impegno emozionale e sull'autoanalisi. Dopo il 1958 Rotella abbandonò gradualmente le composizioni puramente "astratte" in favore di décollages che conservavano una certa coerenza dell'immagine sottostante. Più che trattare gli strati di posters come materiale inerte con cui dare forma alle proprie composizioni, egli cominciò a vederli come testimonianze importanti che reclamavano propri diritti, come frammenti significativi di realtà da alterare ma non da oscurare. Questa tendenza culminò nel soggetto esplicito della serie Cinecittà, immagini delle stelle del cinema italiano esposte per la prima volta nel 1962. Indipendentemente da Rotella tre artisti parigini — Raymond Hains, Jacques Mahé de la Villeglé e Francois Dufrène — stavano a loro volta sperimentando sui manifesti pubblicitari come materiale artistico. La loro opera tuttavia fu divulgata solo nel 1958 dal critico francese Pierre Restany, il quale nel 1960 si fece promotore della corrente dei "nouveaux réalistes". Originariamente tra i membri del gruppo c'erano Arman, Yves Klein, Martial Raysse, Daniel Spoerri, Jean Tinguely e i tre artisti francesi sopra citati. Rotella espose per la prima volta con i "nouveaux réalistes" nella mostra "40° audessus de dada", tenutasi a Parigi nel maggio 1961. Nel 1964 egli lasciò Roma per stabilirsi nella capitale francese. A quel tempo Rotella aveva abbandonato il décollage per una nuova tecnica che chiamò dei "reportages": opere eseguite proiettando fotografie di giornali, bozze e altri materiali stampate su tela sensibile. Rotella definì questa attività "arte meccanica" o, abbreviando, "mec art". Nel 1966 cominciò a produrre quadri sviluppando ritratti di colleghi artisti eseguiti con la Polaroid. Nel 1972 pubblicò un'autobiografia, Autorotella, e nel 1975 uscì una registrazione delle sue poesie (Poesie fonetiche, 1949-75). Negli anni Ottanta è tornato alla tecnica della pittura su tela e al soggetto dei film italiani. Ha voluto lavorare sino all’ultimo alle sue Marilyn, realizzandone ancora 12, nonostante il terribile dolore alle ossa; sa che dovrà morire ma dice di non avere paura, sistema le ultime cose e chiede di essere accompagnato a casa ai suoi assistenti, Paolo Nava e Piero Mascitti, dove morirà poche ore dopo.

Mimmo Rotella "L'assalto" 1963      Mimmo Rotella "Il relax di Rita" 2003, decollage su tela, cm. 66x88.      Mimmo Rotella "La preda" 2005, decollage su tela cm. 70x50      Mimmo Rotella "Marilyn" 1962      Mimmo Rotella "Giovanna d'Arco" 2004, cm. 196x140

 

  Home  |  Introduzione  |  Storia dell'Arte  |  Tavole cronologiche  |  Artisti  |  Eventi  |  Nudo nell'Arte   |  Impressionismo  |   Immagini per Desktop  |  Movimenti artistici

 Home  |  Introduction  |  Art's history  |  Chronological tables  |  Present day Artist's  |  Artists of the past  |  Astrology in the Art   Naked in the Art's   |   Impressionism  |  Desktop

 

Artinvest2000 Il Portale internazionale delle Arti Copyright 1999-2008© E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti di questo Portale senza la preventiva autorizzazione. Qualunque illecito verrà perseguito a norma di Legge. Utilizzare la risoluzione 1024x768