Artinvest2000. Masaccio  "Il Battesimo dei neofiti" affresco, 247x172 cm, Santa Maria del Carmine, Firenze, Cappella Brancacci.

 

 
 

L'episodio, che si svolge in una valletta tra le montagne scortate che si aprono come al prolungarsi processionale dei battezzandi e tra le sponde di un torrente che scorre fresco e limpido, è tolto degli Atti degli Apostoli. Sono qui riassunti i valori più alti dell'arte di Masaccio: nella profondità degli spazi, nel giuoco intenso e rapido della luce che proviene da sinistra come sorgente naturale dalla finestra della cappella, nei ritmi bilanciati delle figure e nei loro gesti, nelle analisi puntuali della forma, nella vibrante pennellata, nella tensione che emerge assoluta dall'evento. La bellezza formale dell'ignudo inginocchiato nell'acqua è realizzata, come tutte le altre figure, con una tecnica compendiaria che permette di raggiungere il modello con rapide macchie di luce-ombra, in sintesi anatomiche di una forza plastica che richiama, come è stato più volte notato, la statuaria e la glittica antica. Quale motivo di "verità" colto nella realtà si osservi lo sgocciolare dell'acqua dalla sua testa e dai capelli fino a incontrarsi e produrre schizzi e bollicine sulla superficie dell'acqua del fiume che corre veloce sbattendo contro le ginocchia come fossero piloni di un ponte. La splendida nudità del paesaggio con le montagne variamente illuminate dalla sorgente unica di luce crea un fondale di grande spazialità entro il quale si colloca il gruppo che intensifica la sua dinamica vitalità in un contrappunto variatissimo di gesti e posizioni. Cadenzate nello spazio le figure di coloro che attendono il battesimo mostrano straordinarie bellezze formali, raggiunte con una tecnica pittorica che riprende lo stile comprendiario della più classica pittura romana e le forme plastiche della scultura antica. Anche l'intensità emotiva e religiosa che si lega all'episodio è sottolineata con vigore dagli sguardi acuti e dall'attenzione del correre dell'evento come è anche nell'ignudo "che triema fra gli altri battezzati, assiderando di freddo, condotto con bellissimo rilievo e dolce maniera. Il quale — come scrive ilVasari — dagli artefici e vecchi e moderni è stato sempre tenuto in riverenza e ammirazione" o come è in uno degli astanti, il primo di sinistra alle spalle di San Pietro, con quel gran turbante azzurro chiaro e segnato nel volto da una barba in crescita.

 

Torna alla biografia di Masaccio

 

 

Home   Introduzione   Artisti contemporanei   Artisti del passato   Artisti segnalati   Gli Impressionisti   Storia dell'Arte     Nudo nell'Arte    Desktop

Home   Introduction   Present day Artist's   Artists of the past   Marked Artist's   The Impressionist's   Naked in the art     Guestbook   Desktop