Artinvest2000. Masaccio  "La distribuzione dei beni e la morte di Anania"  Saint Peter Distributing Alms and the Death of Ananias 1425-26.  Affresco 232x157 cm.

 

 

"L'affresco, che corrisponde dall'altro lato alla scena di San Pietro che risana con l'ombra gli infermi, rappresenta in aspetto più nuovo l'arte di Masaccio. Siamo in un borgo del contado fiorentino dove fra certe nude fabbriche medievali a sporti bruni è sorta una bella casa recente, bianca di calce e nel fondo ridono i colli amenissimi, fra i quali emerge un castello luminoso e paesaggio mosso che non ha un deciso taglio diagonale come il precedente ma che lo accenna nella prospettiva della casa, la cui massa appare elemento essenziale della composizione. La diagonale è ripresa con libertà nei personaggi che vengono dal basso all'altura dove sosta Pietro e dove è stramazzato al suolo l'infedele Anania, che aveva sottratto parte del ricavato dei beni venduti (Atti degli Apostoli III, 6). Il morto ingombra il primo piano col volume orizzontale del suo corpo: crea un vuoto che impedisce ai devoti di avvicinarsi troppo all'Apostolo. Inoltre lo spigolo della casa che segna una netta demarcazione fra questo e i fedeli basta assai più della piccola aureola a farci riconoscere il protagonista in Pietro che, come assorto distribuisce le elemosine. Giungono sino a lui i poveri — nell'atto dell'ascendere è un palese significato di elevazione — cioè poche figure in cui sono tracciati i caratteri di un popolo umile nei vestimenti ma tìsicamente e moralmente sano, coi suoi uomini fieri e quadrati, e le donne gagliarde che generano bimbi selvatici ma robusti. È così glorificato nell'arte, dopo gli straccioni grifagni e cattivi delle 'Moralità' medioevali, dopo i bellimbusti elegantissimi delle borghesie cittadine, il popolo del contado dal quale Masaccio discende. E in tal modo il maestro ci offre la visione di una umanità rigenerata come doveva essere quella dei primi cristiani. La luce non cerca ora aspri contrasti: si diffonde calma e serena nei volti dell'Apostolo e dei suoi seguaci, dai colori chiari e limpidi, che corrispondono alla cristallina purezza degli animi: tutto è più fuso e ammorbidito in più intimo rapporto tra forma e colore. [...] La donna col bambino corrispondente alla figura di Pietro, equilibra i due gruppi senza farli apparire simmetrici. Essa si staglia contro la parete chiara della casa col cercine bianco che avvolge la testa, col volto intonato di rosa, col grigio marrone della tunica, ed è dipinta con sorprendenti rapporti di colore e di tono. Ha le spalle quadrate di una forte contadina; ma il volto è largo è di gravita austera che scopre una disciplina interiore. E quel suo bimbo, tanto simile per proporzione al piccolo Gesù della tavola di Londra è di una sgraziata e goffa struttura che — col profilo imbronciato — ne rivela il carattere scontroso e selvatico [...]. Il colore luminoso di Masaccio non perde di consistenza, costruisce anzi con la sua densa pasta fusa, come può vedersi nelle mani freddi e nel volto pallido del morto Anania, di un rigore formale che oserei dire caravaggesco. Invece il castello nel fondo è condotto con pennellata rapida e leggera di una freschezza sorprendente, che ci conduce d'un colpo nel mondo della pittura di tocco dei veneziani o dei moderni. Queste varietà pittoriche di Masaccio sono spiegabili solo col genio dell'artista, inconsapevole precorritore qui di tendenze che avranno il loro sviluppo tanto più tardi. Però, da uomo della Rinasciti e da toscano, il maestro limita la sua tavolozza nelT esaltare la bella materia; conserva quella misura che è la norma costante del suo stile." (Mario Salmi, 1948)

 

Torna alla biografia di Masaccio

 

 

Home   Introduzione   Artisti contemporanei   Artisti del passato   Artisti segnalati   Gli Impressionisti   Storia dell'Arte     Nudo nell'Arte    Desktop

Home   Introduction   Present day Artist's   Artists of the past   Marked Artist's   The Impressionist's   Naked in the art     Guestbook   Desktop