Matisse, Morandi e Balthus: un 2015 nel segno della pittura

Asta record: 179 milioni di dollari per «Le donne di Algeri» di Picasso.

Il venditore guadagna il 462%

Nuovo record nel mondo delle aste. Ieri sera a New York un'opera di Pablo Picasso del 1955, «Les Femmes d’Alger (Version “O”)», è stata battuta per 179,4 milioni di dollari da Christie's, molto di più dei 140 milioni stimati. Il precedente prezzo più alto era stato raggiunto nel novembre 2013 quando il trittico di Francis Bacon, «Three Studies of Lucian Freud», aveva raggiunto quota 142,4 milioni di dollari grazie all'offerta finale di Elaine Wynn, cofondatore dell'impero dei casinò Wynn. L’acquirente ha chiesto di restare anonimo. Ma non è tutto: 30 minuti dopo il Picasso, la scultura di Alberto Giacometti, «L’homme au doigt (Pointing Man)», è invece stata battuta per 126 milioni di dollari. articoli correlati New York, Christie's batte nuovi record per Picasso e Giacometti ...

I 20 migliori risultati d'asta del 2013

Francis Bacon

Francis Bacon "Three Studies of Lucien Freud" (1969) venduto per $142,405,000 da Christie's il 12 novembre, e divenuta l'opera più pagata in assoluto a un'asta.

Le vendite d’arte contemporanea sono state alte tutto l’anno, e i prezzi alti che si sono visti nelle aste di primavera a New York sono stati solo un assaggio dell’autunno, stagione dove sono stati raggiunti la maggior parte dei 20 top lot dell’anno. Una gran quantità di opere rare sul mercato di artisti del dopoguerra molto richiesti come Francis Bacon, Jeff Koons, e Andy Warhol hanno raggiunto le otto cifre, e Sotheby’s e Christie’s hanno incassato un più $100 milioni al picco delle loro aste d’arte contemporanea serali lo scorso mese. Anche se la maggior parte dei lotti contemporanei in vendita si erano già viste in aste di primavera e autunno a New York nel’ultimo anno, uno dei prezzi più alti, i $23.3 milioni per “The Last Supper” si Zeng Fanshi (2001) è stato raggiunto all’asta di Sotheby’s Hong Kong il 5 ottobre. Anche se molti osservatori si chiedevano sorpresi se questi risultati potessero continuare, Brett Gorvy, il capo del dipartimento di arte del dopoguerra e contemporanea di Christie’s ha dichiarato, “questa non è una bolla, è l’inizio di qualcosa di nuovo”. La casa, che aveva già attirato l’attenzione in primavera con una vendita serale da $495 milioni d’arte contemporanea, è riuscita a superare quella cifra con una da $691.6 milioni a Novembre. Sia Christie’s che Sotheby’s hanno visto una crescita robusta quest’anno; Christie’s New York con il risultato di $1.4 miliardi per l’arte contemporanea, contro i $973.5 milioni del 2012; lo stesso vale per Sotheby’s che è salita da $851.7 milioni contro i 794.7 del 2012.

Mary Cassat   Canaletto   Raffaello   Gauguin   Van Dyck Anthony   Artinvest2000, Andrea Mantegna: