Google
 
 

 

 

Skype test per contattare Artinvest2000 senza costi.

Non hai Skype: scaricalo qui: download

 

 

 

Greco Emilio (1913 - 1995)

 

 

 

 

 

Emilio Greco  (1913 - 1995)Emilio Greco: nato a Catania l'11 ottobre 1913. Fu titolare della Cattedra di Scultura nell'Accademia di Belle Arti a Roma, ed insegnò a Monaco ed a Salisburgo. Muore a Roma nel 1995.

Sue opere figurano nei principali musei del mondo:

Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna; Parigi Musée National d'Art Moderne; Londra, The Tate Gallery; Anversa  Musée Municipal de Sculpture en Plein Air; Monaco, Neue Pinakothek; Bruxelles, Musées Royaux dex Beaux Arts; Venezia, Galleria Internazionale d'Arte Moderna; Firenze  Museo Internazionale d'Arte Contemporanea; Otterlo, Museum Kroller-Muller, Le Parc de Sculpture; Colonia, Wallraf Richarz Museum; St. Louis, City Art Museum;  Capetown, South African National Gallery; Kyoto, National Museum of Modern Art;Melbourne, National Gallery of Victoria; Brisbane Queensland Art Gallery; Hakone, The Hakone Open-Air Museum,"Greco Garden"; Johannesburg: Johannesburg Art Gallery; Tokyo, Bridgestone Gallery; Kobe, Modern Fine Arts Museum, Hyogo; Budapest, Szépmuvészeti Museum; New York, Storm King Art Center; Sabaudia, Museo Emilio Greco. Ha avuto il Gran Premio della scultura alla Biennale di Venezia (1956); la medaglia d'Oro del presidente della Repubblica per i benemeriti della Scuola della Cultura e dell' Arte (1961); è accademico nazionale di San Luca; è membro dell'Accademia Reale Belga. Principali mostre personali: Londra, 1952-1955-1959; Rhode Island Museum 1954; Venezia, XXVIII Biennale 1956; San Paolo, IV Biennale, 1957; Roma, Ente Premi Roma  Palazzo Barberini, 1958; Monaco, Stadtische Galerie, 1959; Vienna, Kunstlerhaus, 1960; New York, The Contemporaries  1961; Parigi, Musée Rodin, 1961; Lisbona, Fondazione Gulbenkian, 1963; Melbourne, National Gallery of Victoria  1966; Ferrara, Galleria Civica d'Arte Moderna, Palazzo dei Diamanti, 1970-71; Kobe, The Modern Fine Arts Museum  1971; Yamaguchi, Prefectural Museum, 1971; Hiroshima  Hiroshima Art Gallery, 1971; Napoli, Palazzo Reale, "I Grandi Contemporanei", 1974; Leningrado, Museo dell' Ermitage  1979; Mosca, Museo Puskin, 1979-1980; Orvieto, Palazzo Papale, 1980; Catania, Castello Orsino, 1982; Roma, Castel Sant'Angelo, 1983. E' autore del monumento a Pinocchio a Collodi; del monumento  a Papa Giovanni in San Pietro; delle Porte del Duomo di Orvieto. Il Museo all'aria aperta di Hakone gli ha dedicato una sala permanente, e un gruppo di opere è esposto nel Museo Puskin di Mosca.

Scrittore e poeta ha pubblicato i seguenti volumi:Poesie ( Ed, Fiumara 1951); L'oro antico delle vigne ( Ed. carte Segrete, Roma 1978); Memorie dell'estate, ( Ed. Capitol, Bologna 1980); Appunti di una vita, ( Ed. Sellerio, Palermo 1980); Dell'antica voce, ( Ed. Rusconi, Milano 1985 ), con cui ha vinto il Premio Calliope.

 

Colloquio con l'artista

 

Fin da bambino Lei manifesta attitudine verso il disegno. Come scopre il piacere di interpretare poeticamente la realtà? L'istinto grafico o pittorico è un fatto comune quasi a tutti i bambini, come il pasticciare con la creta che io trovavo nella periferia della città, tra gli orti ed i filari di lattughe. Con l'evolversi della coscienza , sentivo che dovevo assolutamente  fare l'artista, che non avrei potuto fare altro, e quando mio padre si ammalò io avevo tredici anni e fui costretto a lasciare la scuola media, andai a lavorare da uno scultore di monumenti funerari, iniziando un lavoro molto pesante, quello di sbozzare angeli e busti vari. Lavoravo dodici ore al giorno e la sera  studiavo con ferrea volontà. Avrei preferito fare il pittore, ma in Sicilia allora non era possibile trovare occasioni di lavoro con la pittura:avrei potuto solo fare l'imbianchino! L' interesse per la scultura lo si può comprendere dai suoi versi: "Forse non fu vano amarci se la tua immagine eternamente vivrà nel bronzo..."La materia sopravvive ad una stagione amorosa. Per essa abbiamo il rimpianto ma, come scrive Giacinto Spagnoletti, c'è anche l'orgoglio della creazione... L'orgoglio della creazione per me supera qualsiasi altro sentimento dell'uomo perché lo sublima. Accanto all'orgoglio nasce l'immenso godimento per l'atto creativo.

 

 

 

 

"Maria Baldassarre" 1967

"Grande figura seduta" 1951

"Estrellita" 1972

"Màlgari" 1973

 

 

 

Il piacere cessa non appena termina quest'atto e lascia il campo al dubbio ed all'autocritica verso al propria opera. Questa è la ragione per cui non mi sono mai affezionato al mio lavoro.

 Picasso, visitando la sua mostra al Museo Rodin, ha affermato: "Greco è il più grande disegnatore che abbiamo in Europa." Che effetto le ha fatto questo giudizio? 

Un effetto molto ritardato perché appresi la notizia della sua visita parecchi anni dopo e fu per caso. Era un uomo che non concedeva facilmente il suo apprezzamento e tanto meno la sua lode: sinceramente l'episodio mi lusinga molto. 

 

 Giovanni Fallani ha scritto di di quell'opera, la statua di Giovanni XXIII, di quel segno di una grandezza altamente  spirituale:"Non mortis, sed vitae meditatio", E' vero l'arte sconfigge la morte! Ne è convinto?

 

Sì, per quanto riguarda l'aspetto poetico e la speranza. Per il resto mi sgomenta il pensiero che l'opera dell'uomo muoia e la materia si trasformi continuamente. E' la sensazione che ho avuto guardando le immagini della terra riprese dalla luna o, in Egitto, le piramidi sgretolarsi al vento del deserto: gli enormi blocchi di granito corrosi dal tempo. Viene da pensare al fatto che se non resistono quelle "montagne" cosa mai può resistere? Esiste un tempo per la vita ed è molto breve per chi non ha la speranza dell'al di là.

 

 Nelle sue opere spesso raffigura una fanciulla, l'eterno femminino che sembra destinato a dare gioia all'esistenza umana. Ormai quel volto, a tutti caro, è arrivato ad una grande perfezione e sembra che sia pronto a parlare. Cosa le racconta?

 

Mi parla della giovinezza; di un momento della vita che lascia in noi un immagine splendida. Ieri sera, guardavo in televisione la grande festa della moda che si svolgeva sulla scalinata di Trinità de' Monti. A parte la bellezza dell' architettura che faceva da sfondo, c'era da commuoversi anche davanti a quelle schiere di ragazze stupende.

Esiste qualcosa che superi l'Adolescente di Cardarelli o l'immagine dolcissima della Silvia del Leopardi? Eppure in quei versi esiste una nota triste dovuta alla consapevolezza che anche quella bellezza sfiorirà inesorabilmente.

 

 Ho avuto la fortuna di vedere i disegni preparati per una mostra che si è tenuta a Seul, in occasione dei Giochi Olimpici. Il Discobolo, la Ginnasta, gli Schermitori e l'equitazione sono veramente icone che riescono a coniugare la classicità con la sensibilità dei nostri giorni. Ci vuol parlare di queste opere? 

 

Come è noto non ho più la possibilità di eseguire sculture di notevoli dimensioni. A proposito di questi disegni ho pensato all'amore che portavano gli antichi nei confronti dei Giochi Olimpici. Oggi, forse, questi ideali son diventati più banali e venali, ma esisterà sempre la bellezza del corpo umano che attraverso questi movimenti raggiunge un aspetto di grande interesse estetico: dalla danza al discobolo, dal nuoto al tennis, all'equitazione. Per un anno ho disegnato solo queste tavole, sono oltre cento pezzi che ancora mi lasciano il desiderio di fare. Credo che siano un unicum che non vorrei separare per esporlo tutto insieme.

 

Emilio Greco: "Monumento a Pinocchio in Collodi" Emilil Greco: "Monumento a Papa Giovanni XXIII" Emilio Greco: "Testa d'uomo" 1948 Emilio Greco: "Grande figura seduta" 1969 Emilio Greco: "Memoria d'estate" 1979 Emilio Greco "Bagnante 1956" Bronzo Emilio Greco: "La Partenza" 1985

 

 

  Home  |  Introduzione  |  Storia dell'Arte  |  Tavole cronologiche  |  Artisti  |  Eventi  |  Nudo nell'Arte   |  Impressionismo  |   Immagini per Desktop  |  Movimenti artistici

 Home  |  Introduction  |  Art's history  |  Chronological tables  |  Present day Artist's  |  Artists of the past  |  Astrology in the Art   Naked in the Art's   |   Impressionism  |  Desktop

 

 

Artinvest2000 Il Portale internazionale delle Arti Copyright 1999-2008© E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti di questo Portale senza la preventiva autorizzazione. Qualunque illecito verrà perseguito a norma di Legge.