Google
 
 

 

 

Skype test per contattare Artinvest2000 senza costi.

Non hai Skype: scaricalo qui: download

 

DELLA FRANCESCA PIERO 1415-20  -  1492

 

 

 

Piero della Francesca, nacque a San Sepolcro intorno al 1415-20 e scomparve nel 1492.

 

 

La formazione

 Fu un rinomato pittore e la sua formazione dovette compiersi in un prolungato soggiorno fiorentino se nel 1439 la prima documentazione che lo riguarda lo indica autore insieme a Domenico Veneziano dei perduti affreschi del coro di S. Egidio a Firenze. Le prime opere collocabili anteriormente al 1450 tra cui: "S. Gerolamo e un devoto" ora esposto nelle Gallerie dell'Accademia a Venezia; il  "Battesimo di Cristo" ora nella National Gallery di Londra; i pannelli con la "Crocifissione" e i "SS. Sebastiano e Giovanni Battista", facenti parte del "Polittico della Misericordia" ora nella Pinacoteca di Sansepolcro. Era stato commissionato nel 1445 ma compiuto solo nel 1462, queste opere dimostrano da un lato l'assimilazione del plasticismo di Masaccio Tommaso, del rigore prospettico di Brunelleschi Filippo e di Alberti Leon Battista e della luminosità cromatica del Beato Angelico e di Domenico Veneziano, dall'altro lato il personale modo espressivo dell'artista caratterizzato dal rigore della stesura prospettica e dalla geometrica e quasi astratta perfezione dei volumi immersi in una luminosità diffusa e sottile.

 

Le sue influenze

 Intorno al 1450 l'attività di Piero della Francesca si fece particolarmente intensa: fu prima a Ferrara, dove la sua opera, perduta, influenzò nettamente la cultura locale, poi a Rimini dove lasciò nel tempio Malatestiano l'affresco votivo col ritratto di "Sigismondo Pandolfo Malatesta" del 1451. Nel 1452, alla morte di Bicci Lorenzo, Piero della Francesca subentrò nelle decorazione ad affresco del coro di S. Francesco ad Arezzo, con vicende della "Leggenda della vera Croce". In questi anni si collocano i rapporti di Piero della Francesca con la corte di Urbino; in uno degli ambienti più colti e aperti d'Italia l'artista lasciò nel giro di un ventennio alcune delle sue opere di maggior prestigio: la tavoletta con la "Flagellazione di Cristo" e la più tarda "Madonna di Senigallia" risalente al 1470, ambedue nella Galleria nazionale delle Marche a Urbino; lo straordinario dittico coi "Ritratti dei Duchi di Montefeltro" del 1465 ora visibili negli Uffizi di Firenze, con scene dei "Trionfi dei Duchi" dipinte sul retro delle tavole; infine la "Madonna col bambino, angeli, santi e il duca Federico da Montefeltro " del 1472-74 ora in Milano - Brera. 

 

"Madonna del parto"

"Resurrezione"

"Ritratto di Federico da Montefeltro"

"Ritratto di Battista Sforza"

Cliccate sulle immagini per ingrandirle

 

Artista completo

 In queste opere la straordinaria finezza della stesura pittorica e l'acutezza descrittiva dei particolari rivelano l'attenzione con cui Piero della Francesca guardò alle esperienze fiamminghe, con cui entrò in contatto alla corte di Urbino, e che più intensamente rievocò nella tarda intorno al 1475 "Natività" della National Gallery di Londra. Lungo l'arco dei soggiorni urbinati si collocano altre opere, in particolare per la città natale la "Madonna del parto" del 1460 ca. nella cappella del cimitero di Monterchi e la "Resurrezione di Cristo del 1463-65 nella Pinacoteca di Sansepolcro. Svolse anche attività di teorico, scrivendo il trattato "Deprospectiva pingendi e il libretto "De quinque corporibus regularibus".

Opere principali

  § "Leggenda della vera Croce" affresco del 1452- 60 ca. ora esposto nella chiesa di S. Francesco ad Arezzo.

  § "Ritratti dei Duchi di Montefeltro" tecnica mista su tavola si presume che sia stata dipinta intorno al 1465, ed ora esposto nella Galleria degli Uffizi di Firenze.

  § "Madonna del parto" affresco del 1460 ca. esposto nella Cappella del cimitero a Monterchi.

  § "Sigismondo Pandolfo Malatesta" affresco del 1451 esposto al Tempio Malatestiano di Rimini.

  § "Polittico della Misericordia" tecnica mista su tavola del 1445-62 esposto nella Pinacoteca comunale di Sansepolcro.

  § "La resurrezione di Cristo" affresco del 1463-65 esposto nella Pinacoteca comunale di Sansepolcro.

  § "La flagellazione di Cristo" tecnica mista su tavola del 1455-60 esposto nella Galleria nazionale delle Marche ad Urbino.

  § "Madonna di Senigallia" tecnica mista su tavola del 1470 ca. nella Galleria nazionale delle Marche ad Urbino.

  § "Battesimo di Cristo" tecnica mista su tavola del 1448-50 ora esposto alla National Gallery di Londra.

  § "Natività" tecnica mista su tavola si presume che sia stata dipinta intorno al 1475,ora nella National Gallery di Londra.

  § "Pala di Brera: Madonna col Bambino, angeli, santi e il duca Federico da Montefeltro" tecnica mista su tavola del 1472-74 ora nella Pinacoteca di Brera a Milano.

 

GUARDA ANCHE: Leonardo's biography Leonardo da Vinci      Picasso's biography Pablo Picasso      Cezanne biography Paul Cézanne   Raffaello's biography. Raffaello Sanzio   Botero Fernando

 

 

 

  Home  |  Introduzione  |  Storia dell'Arte  |  Tavole cronologiche  |  Artisti  |  Eventi  |  Nudo nell'Arte   |  Impressionismo  |   Immagini per Desktop  |  Movimenti artistici

 Home  |  Introduction  |  Art's history  |  Chronological tables  |  Present day Artist's  |  Artists of the past  |  Astrology in the Art   Naked in the Art's   |   Impressionism  |  Desktop

 

 Artinvest2000 Il Portale internazionale delle Arti Copyright 1999 - 2008© E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti di questo Portale senza la preventiva autorizzazione. Qualunque illecito verrà perseguito a norma di Legge. Utilizzare la risoluzione 1024x768